Leider ist der Eintrag nur auf Italienisch verfügbar.

Il rombare del trattore
entra dentro di me

e porta via i miei pensieri
torno indietro nel tempo.
Mi vedo bambina

alla ricerca di un fiore
ma i miei passi sono pesanti
affondano nella ghiaia frenante.
Ho voglia di sgusciare,

di correre lontano.
Ma dove?

 

BlaBla
                 Domus Mea  –  Latina                          Seminario di Poesia 1994

Eri qui.
Scaricavi la tua colt lanciavi i tuoi coltelli.

Le ferite del mio cuore
si  vestivano di baci
imbrogliando l’amore

Cos’altro avrei fatto
per avere un pò del tuo cuore?

Cos’altro avresti fatto
per vedere le mie lacrime?

 

BlaBla
                 Poesie di partecipanti                            Seminario di Poesia 1994


I lunghi sentieri,

le tortuose strade
la ricerca,
il cammino …….. 

E`negli occhi degli altri
la nostra meta

 

 

 

 

Bla Bla
                            Domus Mea  –  Latina                                                     Seminario di Poesia 1994

mi dondolo sopra il mio stesso respiro
trovo il coraggio di guardare i colori
e con l’arcobaleno nel cuore
provo a tessere la ragnatela
     che catturerà
i migliori desideri
che diventati respiro
     continueranno
     a dondolarmi.

 

BlaBla
               Poesie di partecipanti                            Seminario di Poesia 1994

giallo sole
azzurro mare

non chiuderti in casa stasera
il tramonto ti aspetta
saprà regalarti
più di quello che chiedi

 

Mi vesto
e mi svesto
dei mille colori
che ho dentro di me

La musica è ancora lontana
ma quando sarà qui
io starò già danzando

 

BlaBla
            Poesie di partecipanti                         Seminario di Poesia 1994

corre si rincorre
è amore
un sogno che si avererà

Una culla è la tua voce
Non conosco le parole
mentre il suono mi riscalda

tre soli versi
a rischiarar il volto
l’onda ancora mi accarezza 

e non evapora il sentire
                                                 ch’io colgo nel ricordo

cammino nel sottobosco
e mi unisco al silenzio
sensazione di fresco –
ogni tanto un raggio di sole trapassa gli alberi
odore intenso – risveglio veloce –
forse qui sotto mi sento al riparo
forse se riuscissi ad uscire
metterei le lenti scure!

 

 

BlaBla
           Poesie di partecipanti                           Seminario di Poesia 1994

mi vesto di
colori rubati ai fiori

e mi svesto
dai tormenti rubati al mare

la rugiada diventa le mie lacrime
il vento i miei capelli
il silenzio il mio canto
è tutto in ordine?
ora posso dirigere questa

                                            RAUCA SINFONIA

 

Gabbiani
Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io sono come loro,
in perpetuo volo.

La vita la sfioro
com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in burrasca.

 

La casa degli spiriti

BlaBla
            Poesie di partecipanti                             Seminario di Poesia 1994

Il sangue delle madri
e dei figli
non ha lavato le strade del dolore

La speranza era lontana e sconosciuta
la pietà,
la tua saggezza di piccola donna
ha salvato la vita

non c’é né rancore né oblio
nelle tue parole
la vita continua ancora con amore _

e storie di donne e di uomini
percorreranno ancora montagne
per creare il mare salato

 

Blabla
              Domus Mea – Latina                           Seminario di Poesia 1994

Il rombare del trattore

entra dentro di me
e porta via i miei pensieri
torno indietro nel tempo

Mi vedo bambina
alla ricerca di un fiore
ma i miei passi sono pesanti
affondano nella ghiaia frenante.

Ho voglia di sgusciare,
di correre lontano.
Ma dove?

 

Crescere in tutti i sensi

        Poesie di partecipanti                Seminario di Poesia 1994

alla ricerca del mio oro perduto
e davanti allo scrigno
fermare la mia mano.
Paura.

APRITI SESAMO  –  vorrei urlare
adesso  –  APRITI SESAMO!

 

 

FACILE È LA STRADA che mi porta a te
ma la tua porta è chiusa.

Saprei sedermi sul gradino
ad aspettare il tuo ritorno?
Saprei cercare il tuo sguardo
e le tue mani?

Attendo il tramonto
nella mia solitudine.

SPRUZZI DI SALE ACCAREZZANO I MIEI PIEDI
ho camminato sulle acque ascoltando il mare

L’impossibile è più vicino di ieri.