FAVOLE IMPROVVISATE

Kinder

Ai bambini della scuola elementare ho raccontato favole improvvisate interagendo con loro. I bambini hanno espresso le loro emozioni e il loro vissuto attraverso esercizi sensoriali usando versi e brevi poesie. Durante tutto l’anno scolastico abbiamo scritto un’intera favola di classe e al termine dell’anno l’abbiamo messa in scena.

I bambini della scuola elementare riescono a liberare durante l’ascolto di una favola il flusso delle loro emozioni e a ottenere così accesso alla loro vita interiore. Trovare consapevolmente delle parole per ciò che provano è l’inizio del conoscere se stessi. Imparano a rivelare all’esterno la loro vita interiore e diventano “esperibili” per chi li circonda. Lo sviluppo di queste capacità favorisce molto l’espressione orale in classe ed è di particolare importanza per l’ora di italiano.

Quanti sono i bambini che prima non riescono a trovare loro stessi e più tardi non riescono ad esprimersi! Quanti bambini siedono per anni nascosti sulle loro sedie! Il conflitto con altri compagni o con alcuni insegnanti, il chiasso e il caos costanti nell’aula possono anche fungere da nascondiglio.

 

 

La serie di seminari ParolaSuonoCorpo (WortKlangKörper) sarà dedicata a esperienze che valorizzino il tempo diurno e il tempo notturno.
Poesia con Ulisse, Autunno Poetico, La Poesia e i Sensi, Poesia e Ritualità, Parola Rito Albero.

 

 

TROVARE LE PAROLE PER LA PROPRIA VITA INTERIORE

Kinder

In questo seminario i bambini imparano a trovare parole per la loro vita interiore, che molto spesso non viene affrontata né in famiglia né a scuola. Migliorano inoltre la loro capacità di esprimersi oralmente.

La struttura del seminario si basa su esperienze sensoriali e rituali. Ecco due esempi.

 

I SENSI 

Vivere i propri sensi è un’esperienza decisiva per incamminarsi verso se stessi. Sentire i cinque rumori: I bambini siedono con gli occhi bendati in cerchio. Uno ad uno risuonano cinque rumori fuori dal comune (p.e. : la piuma di un uccello struscia sull’orecchio di un bambino). I bambini si concentrano e ascoltano, cercano di trovare una parola o un confronto per ogni rumore udito.

 

I RITUALI

Anche per i bambini esistono dei rituali adatti. Anche loro si rendono conto di essere stati bambini che andavano all’asilo e che un giorno non saranno più bambini della scuola elementare. Il rituale del salto: a piedi nudi e uniti saltano su di una sedia e da lì su di un tavolo e poi di nuovo per terra. Poi ad occhi bendati devono cercare “la parola magica” ascoltandosi e ascoltando l’effetto che questi salti hanno avuto su di loro. La parola va scritta su di un cartoncino colorato che andrà messo sotto una pietra insieme agli altri cartoncini degli altri bambini.

Le parole raccolte durante questi esercizi possono servire nelle lezioni successive da punto di partenza per un pensiero, una poesia o un altro tipo di testo.